Tutto quello che dovete sapere
Il "Keschtnriggl" - dalle origini ad oggi
Tutto quello che dovete sapere

Tutto quello che dovete sapere

Il "Keschtnriggl" - dalle origini ad oggi

Il “Keschtnriggl” è un utensile tipico del Burgraviato in legno di castagno e salice e viene utilizzato da secoli per sbucciare le caldarroste. Erano proprio i contadini viticoltori attorno a Merano ad inventarlo, per non doversi sporcare le mani. Ad ogni modo, il “Keschtnriggl” è recepibile esclusivamente nel Burgraviato, che, assieme alla Valle Isarco, è una delle zone centrali di coltivazione del castagno. Le radici più profonde della castagna si trovano nell’estremo sud del Burgraviato a Lana e sull'Altopiano di Tesimo. In uno scritto tirolese del 1558 si legge: “lungo il fiume Adige ci sono tante castagne, ma le migliori si trovano a Lana." Era proprio a Lana, dove nel 1992 ebbe luogo un congresso sulla castagna, dove nacque l’iniziativa di salvaguardare e conservare la pianta del castagno.
 

Dal 1998 ogni anno in autunno inoltrato si organizzano le giornate della castanga dal nome “Keschtnriggl”, nome che rispecchia l'esclusività della cultura del castagno in Sudtirolo. Si tratta di un evento organizzato con poche risorse economiche, bensì con la grande passione dei contadini, dell'ente forestale e delle tante associazioni locali, che ci tengono a trasmettere ai numerosi visitatori un quadro vivo e autentico di ciò che la castagna significa per il paesaggio e la sua popolazione da diversi secoli ad oggi. Le feste a Foiana e Tesimo rappresentano i culmini delle giornate della castagna. In occasione di questa serie di manifestazioni anche la gastronomia locale attende i buongustai con le proprie raffinate specialità a base di castagna.
entdeckungsreise-durch-kastanienhaine-foto-01-023kast-72
Event-Kastanientage-Lana und Umgebung-FB[2]

Keschtnriggl — artigianato storico

Il nome “Keschtnriggl” deriva da un particolare utensile usato per sbucciare le castagne.

La struttura base del Keschtnriggl è fatta di un bastone di legno di castagno selvatico a fusto diritto, lungo circa 70 centimetri, grosso come un pugno di bambino. Il cesto è intrecciato con setole di castagno dalla caratteristica forma ovale. 
Separa il guscio arrostito dal dolce frutto, semplicemente scuotendo le caldarroste al suo interno.
auf-alten-wegen-foto-01-breit-223kast-72
Event-Kastanientage-Lana und Umgebung-FB[13]

Sentiero didattico sul castagno

Castanea sativa (Castagno)
Gli alberi non sono solo fornitori di materia prima. Inducono alla riflessione, danno forza, quiete e pace interiore. Con le sue radici profonde, il tronco nodoso e la gigantesca chioma, il castagno ci mette in contratto con il resto del mondo e offre nuovi approcci per conoscere la natura.

Scoprite il mondo del castagno camminando sul sentiero didattico a Foiana.
Nelle dieci postazioni didattiche si puo apprendere, attraverso molteplici esperienze sensoriali, tutto ciò che ruota attorno al mondo del castagno. Pittoresche piazzole di sosta ti invitano a riposare e rilassarti…

Come arrivare: Il sentiero sul castagno si raggiunge da Lana imboccando la strada per il Passo Palade. Dopo circa 4 km deviare a destra per Foiana. Arrivati in paese, utilizzare i parcheggi gratuiti accanto alla chiesa e proseguire a piedi. Dopo 700 m un enorme riccio indica il punto di partenza del sentiero sul castagno.
Event-Keschtnriggl-Traubenfest-Meran-FB

Green Event

Gli organizzatori si sono posti come obiettivo quello di organizzare e realizzare questa manifestazione rispettando l'ambiente. Per questo motivo, punti chiave della manifestazione sono: utilizzo di fonti energetiche alternative, riduzione della produzione di rifiuti, mobilità dolce e rispetto delle risorse. Sia gli ospiti sia i componenti del team organizzativo verranno sensibilizzati sull'importanza del rispetto dell’ambiente.