Eventi Meteo Webcams
Sirene e “divoratori di colonne”
Indietro

Sirene e “divoratori di colonne”

Figure mitologiche e creature fantastiche nell’arte romanica: alla scoperta degli incredibili affreschi lungo la “Via romanica delle Alpi”.

Poi vidi: ecco, una porta era aperta nel cielo.
[…] Un arcobaleno simile nell’aspetto a smeraldo avvolgeva il trono
[…] In mezzo al trono e attorno al trono
vi erano quattro esseri viventi, […]
I quattro esseri viventi hanno ciascuno sei ali,
intorno e dentro sono costellati di occhi. Giorno e notte non cessano
di ripetere: “Santo, santo,
santo il Signore Dio, l’Onnipotente,
colui che era, che è
e che viene”. (Apocalisse, 4, 1–8)


Quello che sembra il copione di un nuovo film hollywoodiano di Steven Spielberg è in realtà un estratto del Nuovo Testamento che ben rappresenta il Medioevo, un periodo storico sviluppatosi in Europa a cavallo dell’anno 1000 e certamente la più spaventosa di tutte le epoche artistiche. Le chiese della Via romanica sono ricche di figure mitologiche di ogni tipo, come sirene, centauri (creature fantastiche metà uomo e metà cavallo), e gli spaventosi “divoratori di colonne”, immagini di giganti che divorano le colonne delle chiese. Nel Medioevo si credeva infatti che queste creature abitassero le regioni più estreme della Terra, allora ritenuta ancora piatta; simbolo del contrasto tra l’ordine divino e il caos terrestre, gli stupendi affreschi giunti fino a noi sono stati realizzati da pittori spesso sconosciuti, all’epoca considerati non artisti ma meri artigiani, chiamati a realizzare un cosmo teologico dietro incarico dei committenti del momento.
idm-suedtirol-angelika-schwarz-tramin-jakob-2
3-idm-suedtirol-angelika-schwarz-tramin-jakob-8
Anche se non si è credenti, vale sempre la pena visitare gli incredibili affreschi che ornano le chiese romaniche, e il progetto “Via romanica delle Alpi - Sentiero del cielo” conduce appunto attraverso l’Alto Adige e i Grigioni alla scoperta di 25 siti culturali medioevali con le loro pitture murali: famosi monasteri e chiese, come l’abbazia di Monte Maria e il monastero di San Giovanni a Müstair, edifici imponenti come Castel Tirolo, ma anche piccoli gioielli meno noti come la chiesetta di San Procolo, quella di Santa Caterina o quella di San Giacomo. Il percorso si snoda attraverso paesaggi stupendi, panorami montani, incredibili viste sulle vallate e anfratti nel profondo dei boschi.

Il viaggio alla scoperta del romanico porterà i visitatori verso angoli sconosciuti e nascosti dell’Alto Adige. Se avete voglia di visitare luoghi ancora poco conosciuti e fuori dalle rotte turistiche di massa non perdete il percorso alla scoperta dei siti culturali romanici dell’Alto Adige.

Chissà quali fantastiche creature incontrerete lungo il cammino!
Cinque siti romanici nei dintorni di Merano
Creature fantastiche nei dintorni:
Castel Tirolo
Castel Tirolo
Residenza degli omonimi conti, Castel Tirolo ha dato il nome all'intera regione. La sua realizzazione risale alla seconda metà dell'XI secolo. Oggi, Castel ...
leggi di più
Chiesa San Procolo
Chiesa San Procolo
La Chiesa di S. Procolo sul limitare di Naturno è il monumento più spesso decantato dell´Alto Adige. Costruita nel VII secolo in commemorazione di San Procolo, ...
leggi di più
Chiesa di Santa Caterina
Chiesa di Santa Caterina
Chiesetta di Santa Caterina del XIII secolo (ammirabile solo attraverso un foro praticato nel portone d’ingresso). La piccola chiesetta romanica è dotata di ...
leggi di più
Chiesa Santa Margherita Lana
Chiesa Santa Margherita Lana
Chiesetta con tre absidi in stile romanico, con ciclo di affreschi del lontano 1215. Restaurata nel 1969 e 1982. La chiesetta di Santa Margherita è un prezioso ...
leggi di più
Chiesa di San Giacomo a Grissiano
Chiesa di San Giacomo a Grissiano
Chiesa S. Giacomo, consacrata nel 1142. L'edificio sacro dallo stile dimesso conserva tesori storico-artistici di grande pregio: affreschi romanici risalenti ...
leggi di più
Fai partecipare i tuoi amici ...
Condividi le storie sul tuo profilo e fai sapere ai tuoi amici quello che ti ha entusiasmato!
7 cose da non mancare ai Giardini di Castel Trauttmansdorff
Chi l’avrebbe mai detto che una rosa potesse avere il profumo di lillà, mela, lampone e persino di mirra e garofano?
...
7 cose da non mancare ai Giardini di Castel Trauttmansdorff