L'orologio degli alberi
Gli anelli di crescita del larice

I Reti, i Romani e i larici del lago della Siromba

Per migliaia di anni due larici sono rimasti immersi nel lago della Siromba. Quando questi indistruttibili tronchi d'albero sono stati ripescati nel 2018, si è scoperto che uno dei due era in acqua da circa 3000 anni, ovvero dai tempi di Ötzi.

L’espressione Larchiger, dal corrispettivo sudtirolese della parola italiana “larice”, indica una persona di particolare tenacia, che non si lascia abbattere facilmente. I larici, infatti, hanno radici profonde, che li ancorano saldamente al terreno e si mostrano particolarmente longevi rispetto alle altre conifere.

Ne sono prova alcuni antichissimi esemplari che vivono nella parte più interna della Val d'Ultimo: saldamente radicati nel terreno, possono essere ammirati dagli escursionisti di passaggio.
Alcuni tronchi di questi alberi, anche millenari, sono giunti fino a noi grazie alle condizioni offerte dai laghi e dalle paludi in cui si sono conservati. Si dice che la Val d’Ultimo si sia conservata intatta, come si trovasse in un’altra epoca: anche questi alberi dimostrano un collegamento diretto e tangibile con il passato.

Due di questi alberi antichissimi sono stati scoperti nel 2018, nelle acque del lago della Siromba, a 2.182 m sul livello del mare. Il lago è facile da raggiungere: da Santa Gertrude nella Val d’Ultimo posteriore, un sentiero escursionistico conduce al lago e, proseguendo, alla cima Stübele. L’area si trova ai margini del Parco Nazionale dello Stelvio. Le particolari condizioni dell’acqua del lago e l’assenza di aria hanno permesso di preservare due tronchi di larice così bene che, per stimarne l’età, si è dovuti ricorrere all’Istituto di Geografia dell’Università di Innsbruck. La determinazione dell’età dendrocronologica arrivò a un risultato sorprendente: uno di questi larici aveva più di 600 anni ed era nel lago da millenni.

Il più giovane dei due larici levò per la prima volta le sue foglie al sole quando i Romani, sotto l’imperatore Pertinace, repressero la ribellione dei Marcomanni e stanziarono per la prima volta una legione permanente in Raetia.
Seicento anni dopo, finì nelle acque del lago, poco dopo il conflitto armato tra Impero d’Oriente e Longobardi, che vide lo sterminio anche gli abitanti romani della Valle dell'Adige. Il più vecchio dei due alberi mostra 615 anelli annuali di crescita, che si sono sviluppati tra il 6.506 e il 5.892 a.C., alla fine dell’ultima era glaciale. Come l’albero sia entrato in acqua è oscuro quanto l’acqua del lago stesso, che si trova a oltre 2.000 m sul livello del mare e si è fermato almeno 8.000 anni or sono. Dove in passato, sopra l’attuale linea degli alberi, sorgeva un bosco, oggi si trova un’oasi di pace che colpisce soprattutto per la vista unica sulle vette del Parco Nazionale dello Stelvio.
Scopri la Val d'Ultimo
Passeggiata lungo la Via dei Masi in Val d'Ultimo
Escursioni, tutte escursioni, facile, media
Passeggiata lungo la Via dei Masi in Val d'Ultimo
La Via dei Masi è un percorso attraverso lo splendido scenario alpino che porta a numerosi antichi masi rurali. Attenzione : A causa delle tempeste ...
leggi di più
Larici millenari
Larici millenari
Ci sono tre larici a S. Geltrude in Val d’Ultimo, considerati le aghifoglie più antiche d’Europa. La leggenda narra che i tre larici abbiano addirittura 2000 ...
leggi di più
Museo della Val d‘Ultimo
Museo della Val d‘Ultimo
Il Museo della Val d’Ultimo di S. Nicolò è uno sguardo sul passato della vita rurale. La stube rustica, l'affumicatoio, la camera da letto e la latteria ...
leggi di più
Centro visitatori lahnersäge
Centro visitatori lahnersäge
L’antica segheria „Lahnersäge“ a S. Geltrude, dove fino agli anni 80 i contadini della Val d’Ultimo portavano a tagliare la loro legna, è oggi un centro ...
leggi di più
Il contenuto vi è stato utile?
Grazie mille per il vostro commento!
Grazie!
Fai partecipare i tuoi amici ...
Condividi le storie sul tuo profilo e fai sapere ai tuoi amici quello che ti ha entusiasmato!