Eventi Meteo Webcams
Grappa di cirmolo
Indietro

Grappa di cirmolo

Chi conosce questa prelibatezza saprà sicuramente cosa significa assaporare la “Pura qualità in montagna”.

In montagna spesso l’atmosfera è più intima e tranquilla che a valle, complice l’assenza di traffico e rumori della vita quotidiana. In più quassù ci sono ancora quelle malghe tradizionali con la loro atmosfera romantica, così come ci si aspetta che siano del resto. In tavola si portano le ricette tipiche e i gestori si prendono il tempo per fare due chiacchiere con i loro ospiti.

Questi rifugi, trattorie di montagna e malghe attorno a Merano e in Val Venosta sono riuniti nel progetto “Pura qualità in montagna”. Con questa iniziativa si vogliono premiare i gestori che con impegno e passione portano avanti il loro lavoro secondo la tradizione. Tutti gli esercizi che hanno ottenuto questo riconoscimento sono presenti sul sito e nella relativa app gratuita. Suddivisa nelle tre rubriche rifugi, itinerari e ricette, la app è pratica e di facile utilizzo. Accanto ai rifugi premiati si trovano anche ricette da provare a casa e tanti consigli sulle escursioni più belle.
verlag-athesia-tappeiner-by-alex-filz-gompm-alm-60
verlag-athesia-tappeiner-by-alex-filz-gompm-alm-34
Ogni camminata in montagna che si rispetti prevede una sosta in rifugio. Scoprirete boschi e distese di rododendri, torrenti impetuosi e prati fioriti. E facendo una sosta in una delle tante baite assaporerete le specialità tipiche sconosciute o mai provate. Conoscete per esempio i canederli di grano saraceno, il riebl di grano saraceno o la pasta con la cicoria?

I gestori degli esercizi premiati con il marchio “Pura qualità in montagna” prediligono i prodotti regionali e servono solo pietanze preparate al momento. Quindi non c’è da meravigliarsi se il menù cambia di volta in volta: qui gli ingredienti sono quelli freschi di stagione, molti dei quali provengono dagli orti delle malghe stesse. Quando è il momento di raccogliere i pomodori si porterà in tavola il carpaccio di canederli e pomodori come ad esempio presso la malga Mahdalm nell’area escursionistica del Monte Cervina. Quando invece è il momento dell’aglio ursino si servirà il cordon bleu all’aglio ursino, come quello proposto al maso Hoferhof a monte di Marlengo. Ogni cucina ha sempre i suoi piatti speciali e qualche ricetta segreta.

Formaggio industriale? Vade retro! A proposito di formaggio: se vi trovate alla malga Äußere Schwemmalm in Val d’Ultimo ricordatevi di assaggiare uno dei formaggi premiati. Situata nell’area sciistica ed escursionistica Schwemmalm e aperta tutto l’anno, in questa malga sarà sempre il buon cibo a farla da padrone. E già che vi trovate in Val d’Ultimo, vale la pena fermarsi anche al ristorante Steinrast. Ad accogliervi troverete Brunhilde, che fino a poco tempo fa non sapeva nemmeno come si accendesse un fornello e che proporrà una grande varietà di canederli: al formaggio grigio e rucola, al sedano e formaggio di capra o ai semi di cirmolo con burro di mele. Con tutta questa scelta, non c’è da meravigliarsi se Brunhilde organizza anche corsi per imparare a fare i canederli.

Gli esercizi premiati con il riconoscimento “Pura qualità in montagna” non sono soltanto sinonimo di buon cibo. Qui si incontrano anche tante persone interessanti come ad esempio Karl, che coltiva asparagi vicino alla trattoria Tschigg di Marlengo. E pensare che Karl non sapeva nemmeno che sapore avessero gli asparagi prima di iniziare a coltivare questo delicato ortaggio.

Ma si incontrano anche persone come Irene del Waldbichl  di Verano che è convinta che la verdura, per crescere bene, dev’essere seminata secondo le fasi della luna.
Kulinarik-Echte-Qualität-am-Berg-Ultental-af
Poi ci sono i bambini felici che trascorrono le vacanze estive in montagna come la piccola Heidi del rifugio dei Becchi che assieme al suo fratellino lassù conosce ogni sasso, ogni nascondiglio, ogni prato e ogni cima. E poi si incontrano tanti animali: mucche e capre al pascolo, avelignesi curiosi e qualche bestia stramba come i due maialini pancia a tazza della malga Wurzeralm di Verano battezzati “Speck” e “Kaminwurz”. Un po’ di black humor ci sta!

Alcune delle malghe premiate offrono anche il servizio di pernottamento. Alla sera si cena tutti assieme e alla fine c’è il giro della casa con una bella grappa al cirmolo, o pino cembro, prima che ognuno si ritiri nella propria camera con il pavimento in legno che scricchiola. Tutti felici e soddisfatti, della cena e della compagnia.

Berta della malga Faltschnal di Plan in Val Passiria una volta ha detto: “Nelle nostre montagne la felicità è di casa”. E forse è davvero così.
Fai partecipare i tuoi amici ...
Condividi le storie sul tuo profilo e fai sapere ai tuoi amici quello che ti ha entusiasmato!
7 cose da non mancare ai Giardini di Castel Trauttmansdorff
Chi l’avrebbe mai detto che una rosa potesse avere il profumo di lillà, mela, lampone e persino di mirra e garofano?
...
7 cose da non mancare ai Giardini di Castel Trauttmansdorff