Eventi Meteo Webcams
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Bagni curativi e acque termali a Parcines presso Merano
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel
Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel

Vacanze di cura e benessere a Parcines e Tel

Bagni curativi e acque termali a Parcines presso Merano

Il 1836 fu l'anno di nascita della città termale di Merano. Josef Huber, medico personale della principessa Schwarzenberg, creò le basi medico-scientifiche per elevare Merano a città di cura. Basandosi sulle osservazioni compiute dal medico civico dell’epoca, fece i primi calcoli climatici. Nel 1837 pubblicò un libricino in cui descriveva il clima particolarmente salubre di Merano con osservazioni sulla cura del latte, del siero del latte e dell’uva e sulle vicine sorgenti minerali.

Gli effetti benefici del clima di Merano erano noti già in epoche precedenti. Nel 1529 ad esempio i figli del re Ferdinando trascorsero un periodo a Merano per tutelarsi dalla "malattia del sudore". Nel 1654, l'arciduca Ferdinando Carlo si recò a Merano per curarsi, mentre nel 1827 il barone Bartholomäus Stürmer guarì la raucedine grazie ad una cura a base di uva acerba.

Nel 1840, tre anni dopo la pubblicazione dell’opuscolo di Josef Huber, un altro medico, Bernhard Mazegger, aprì la prima pensione per forestieri nel quartiere di Maia Alta a Merano, collegata ad uno stabilimento idroterapico ad acqua fredda. Allora, la cura del latte e del siero di latte veniva praticata in primavera; la cura dell'uva in autunno.

Nel 1846 il medico altoatesino Franz Tappeiner aprì uno studio a Merano. Insieme ad altri due medici fondò anche uno stabilimento per le cure del siero di latte. Tappeiner riconobbe da subito i pregi del clima di Merano e i suoi benefici in ambito terapeutico. Tuttavia, il suo più grande progetto fu la costruzione di una passeggiata panoramica sopra la città, la famosa Tappeinerweg. Il percorso che da Castel San Zeno passa accanto alla torre polveriera e scende al centro di Merano fu completato nel 1893. Il tratto che porta a Quarazze fu realizzato soltanto nel 1928, quando Tappeiner ormai non era più in vita.

Dal 1870, complici le vacanze a Merano dell'Imperatrice Elisabetta d’Austria, la cittadina altoatesina divenne di colpo una popolare località di cura per l'aristocrazia e la borghesia europea. Di pari passo con il numero di ospiti, crebbe anche il numero di alloggi. A Merano furono costruiti magnifici edifici e lussuosi hotel, la celebre Kurhaus e il teatro civico.

Parcines, possibile rivale di Merano?

Negli anni, gli ospiti di cura iniziarono a visitare anche i dintorni di Merano e molti meranesi trascorsero le vacanze estive a Parcines. Già allora Parcines fu considerata ciò che oggi si chiamerebbe dritta da insider, come dimostra un articolo nel quotidiano "Der Burggräfler" del 12 maggio 1893: "Parcines, a quasi 2 ore [a piedi] da Merano, gode di una posizione particolarmente bella. Questo e il clima mite - di cui non si parli troppo, per far sì che la bella località non diventi rivale della famosa città di cura -, sono le ragioni per cui gran parte degli appartamenti disponibili a Parcines sono dimora di vacanze estive di famiglie abbienti di Merano. […] Quali meravigliose escursioni si possono compiere da qui – a Tel, Rablà, Bagni Egart, Bagno Oberhaus, Quadrato, Rio Lagundo […]. ”

Insomma, Parcines avrebbe avuto tutte le carte in regola per affermarsi come località di cura. Un dato di fatto dovuto anche ai due bagni della zona:
Bagni Egart a Tel e Bagno Oberhaus sopra Parcines. Mentre Bagno Oberhaus, noto ben oltre i confini per la qualità della sua acqua potabile, era principalmente una destinazione estiva molto amata dai meranesi, gli ospiti di Bagni Egart apprezzavano soprattutto le proprietà curative delle acque termali.
Bagni Egart a Tel, Parcines

Centro termale dei Romani e dell'Imperatrice Sisi

Bagni Egart, oggi ristorante e museo, è considerata la più antica fonte termale del Tirolo storico. Si ritiene infatti che le proprietà curative dell'acqua sorgiva fossero apprezzate già in epoca romana. Bagni Egart sorge nelle immediate vicinanze dell’ex stazione doganale di Tel lungo la Via Claudia Augusta. È quindi facile immaginare che i bagni fossero ben frequentati dai funzionari romani e dai viaggiatori dell’epoca. Il nome dei bagni – Egart – deriva dalla ninfa Egeria, dea delle acque sorgive e ninfa della fertilità.

La prima menzione negli atti di Bagni Egart risale al 1430. Il centro termale più antico del Tirolo ha tre sorgenti, tutte registrate presso l'Ufficio della gestione sostenibile delle risorse idriche della Provincia di Bolzano:
• la "sorgente sulfurea", o “sorgente Egeria”, forniva l'acqua per i bagni. Già nel 1822 un’analisi dimostrò che l’acqua di questa sorgente conteneva solfato, solfato ferroso, acido carbonico, magnesia solforosa e calce solforosa;
• la "sorgente ferruginosa” colorava l’acqua di un rosso ruggine e veniva usata per le cure idropiniche;
• la terza, chiamata “sorgente della betulla”, sorge in località Birkenwald (lett. bosco di betulle).

L'acqua termale di Bagni Egart fu raccomandata nel trattamento di ben 29 (!) malattie. Tra queste il medico Franz Feyrtag de Festis cita reumatismi, eruzioni cutanee maligne, disturbi della milza, drenaggio del fegato, debolezza di nervi e stomaco, gotta al piede, disturbi delle vie urinarie e malanni femminili.

Nel 1730 la casa dei bagni fu ricostruita da Joseph Joachim von Wolfenthal zu Spauregg e Gaudententurm. Dopo il suo periodo di massimo splendore nel XVIII secolo, Bagni Egart cadde in rovina e 94 anni dopo, nel 1824, fu costituita una società per azioni con a capo il medico Alois von Gasteiger che fece erigere l’edificio odierno. Come era consuetudine all'epoca, gli ospiti del bagno portavano da casa la propria biancheria da letto, cuscini, asciugamani ecc. Le camere erano arredate con tavoli e sedie e le persone dormivano in letti riempiti di paglia.
Nel 1906 Bagni Egart conobbe un altro momento di affermazione grazie all’apertura della linea ferroviaria della Val Venosta. L'allora proprietario fornì a titolo gratuito il terreno per la costruzione della stazione. Da allora gli ospiti potevano raggiungere Parcines comodamente in treno.
L’attività termale fu chiusa nel 1956.

Gli ospiti illustri di Bagni Egart
Stando alla tradizione orale, l'imperatrice Elisabetta "Sisi" d’Austria si recò a Bagni Egart per un trattamento termale durante una delle sue vacanze a Merano.
Tra gli ospiti illustri di Bagni Egart figura anche l'arciduca Ferdinando, futuro erede al trono, che fece tappa a Parcines in occasione dell'apertura della linea ferroviaria della Val Venosta nel 1907. Peter Mitterhofer, abitante più famoso di Parcines nonché inventore della macchina da scrivere, si esibì a Bagni Egart come cantante, musicista, artista e ventriloquo.

Da centro termale a ristorante e museo
Oggi Bagni Egart ospita un ristorante oltre che un museo dedicato all’impero austro-ungarico. La grotta con la "sorgente sulfurea" è aperta al pubblico.
Nel cortile interno dei Bagni sono esposte le tinozze di epoca medievale in cui si faceva il bagno, la stufa con la quale si riscaldava l’acqua per i bagni termali nonché diverse vasche utilizzate dagli ospiti per le cure. È aperta al pubblico anche la cappella di Bagni Egart dedicata a Maria risalente al 1730.
Museo Bagni Egart - K.u.K. - Museo reale e imperiale
Museo Bagni Egart - K.u.K. - Museo reale e imperiale
Un pozzo senza fondo per gli appassionati della Monarchia asburgica, con una ricca varietà di oggetti d’antiquariato e curiosi pezzi da collezione. Bad Egart è ...
leggi di più
Tel
Ristorante Bad Egart-Onkel Taa
Gli albori della locanda Bad Egart che è anche la fonte termale più antica del Tirolo, risalgono al 1430. Nel corso degli anni la famiglia Platino ha ...
leggi di più
Bad Egart
Centro termale dei Romani e dell'Imperatrice Sisi
Bagni Egart
Documenti storici
Bagno Oberhaus sopra Parcines fu un tempo ambita meta di villeggiatura estiva per gli abitanti di Merano.
I bagni terapeutici e l’ottima qualità dell’acqua potabile di Parcines attirarono schiere di ospiti. Lo “stabilimento” di Bagno Oberhaus consisteva in due semplici case di legno e due cappelle – una piccola e una più grande a ridosso della casa. L'acqua sorgiva, ricca di ferro e minerali, nasceva da una fresca sorgente di montagna e veniva condotta ai bagni in tubi di legno. Accanto all'acqua potabile che sgorgava da una roccia a valle dello stabilimento, il secondo bagno di Parcines disponeva anche della cosiddetta “acqua della febbre", somministrata nell’ambito delle cure idropiniche.
Gli ospiti di Bagno Oberhaus dovevano portarsi da casa la propria biancheria da letto.

“Perché nelle belle giornate a nessuno verrà in mente di stare a casa, considerando che escursioni di ogni genere invitano a godersi la frescura estiva, p.es. a Oberhaus. Questo bellissimo maso di montagna sorge a nordest di Parcines e ospita, avvolto in un bosco di conifere, un bagno termale le cui acque nascono da una sorgente a monte della casa e trasportano ferro, gesso e allume. Nei pressi della casa sgorga anche una seconda sorgente, limpida, cristallina e fredda come il ghiaccio anche in estate. Quest’ultima è ricca di ferro, magnesia, cloruro di sodio e sale mirabile e viene impiegata con successo nella cura idropinica contro la malaria, l’anemia sideropenica, la debolezza di stomaco e di nervi. Una cappella soddisfa le esigenze degli ospiti devoti.” (articolo tratto dal giornale "Meraner Zeitung", 1877)

Che l’acqua potabile proveniente dalla propria fonte godesse di ottima fama è testimoniato anche da una menzione nella guida di Fridolin Plant (Neuer Führer durch Meran und Umgebung) del 1879: "Da Parcines, un ripido sentiero che nella migliore delle ipotesi è utilizzabile anche come sentiero equestre, conduce al famoso Bagno Oberhaus, circondato da una natura meravigliosamente selvaggia e molto apprezzato per la sua eccellente acqua potabile.”

L’attività termale di Bagno Oberhaus durò fino al 1917, quando lo stabilimento fu travolto da una frana.
Oggi, a testimoniare la sua esistenza sono rimaste poche pietre ricoperte di muschio che un tempo formavano la grande cappella.
Bagno Oberhaus a Parcines
Luogo di cura in montagna
Bagno Oberhaus
Documenti storici
Esplorare i bagni curativi a piedi
Escursione culturale per tutta la famiglia
Escursioni, facile, Escursioni invernali
Escursione culturale per tutta la famiglia
Facile escursione ideale per famiglie con bambini, da Tel a Parcines e Vertigen fino al punto di partenza! Adatto a fare con il passeggino!   Inizio ...
leggi di più
Giro
Escursioni, facile, Escursioni invernali
Giro "Bad Egart"
Camminata all'insegna dell'acqua,  ideale per i bambini, da fare con passeggino! Inizio dell'itinerario Ponte "Etschbrücke", via Saring Rablà Arrivo ...
leggi di più
Sentiero culturale Peter Mitterhofer
Escursioni, facile, Escursioni invernali
Sentiero culturale Peter Mitterhofer
Escursione ideale per famiblie con bambini, da fare con passeggino! Inizio dell'itinerario Sbarramento di Tel Arrivo dell'itinerario Sbarramento di ...
leggi di più
I masi montani storici di Parcines
Escursioni, tutte escursioni, difficile
I masi montani storici di Parcines
Meravigliosa escursione in montagna di quattro ore ai solitari masi di montagna di Vertigen e Tabland. Tabland e Vertigen sono due piccole frazioni ...
leggi di più
I tempi gloriosi delle “terme” di Parcines sono ormai finiti. Solo pochi testimoni oculari ricordano ancora i giorni in cui ospiti provenienti da ogni dove si recavano a Parcines per fare i bagni e curarsi dalle malattie più disparate.

Oggi Parcines è conosciuta più che mai per la sua imponente cascata dall’acqua pura e limpida e per l’aria particolarmente salubre.
Ormai l’acqua – un bene così prezioso – non viene più utilizzata per i bagni terapeutici, ma precipita fragorosamente a valle formando una cascata di 97 metri di altezza. Il microclima che regna qui è unico e genera un comprovato valore aggiunto per salute e benessere. Le concentrazioni di particelle, rilevate nei pressi della cascata e paragonabili a quelle delle più eccellenti aree di aria pura del mondo, e l’acqua pura del torrente Zielbach offrono condizioni ideali per programmi di salute e prevenzione.

La forza curativa della cascata di Parcines è sperimentabile grazie alle straordinarie proposte del progetto “Gsund bleibm! Salute! Take care!”.
Un progetto tutto all’insegna de “la salute che vien dalla natura – senza ricette mediche o effetti collaterali” per la prevenzione, la rigenerazione e il rilassamento.


Un ringraziamento speciale va al signor Heini Frei, l'instancabile cronista di Parcines, per aver rivisto il materiale storico dei cronisti di Parcines e per aver fornito documenti e foto irraggiungibili!
Il contenuto vi è stato utile?
Grazie mille per il vostro commento!
Grazie!
Prenota la tua vacanza a Parcines
Pianifica ora la tua vacanza da sogno