23/09 - 23/10/2021 | 10:00 - 18:00

Mostra: ARTE È. 20 Jahre Kunst Meran

Una riflessione a più voci sull’affermazione di Vilém Flusser Le opere d’arte sono suggerimenti per esperienze future.

L’associazione artistica privata Kunst Meran Merano Arte ha invitato otto curatori a lavorare sul ruolo dell’arte nella contemporaneità in occasione di un doppio anniversario: 25 anni dalla sua fondazione e 20 anni di attività nell’attuale sede sotto i portici, la Kunsthaus.

I curatori scelti avevano già collaborato con l’istituzione in questo arco di tempo e hanno accolto con entusiasmo l’idea di una mostra a più voci in occasione dell’anniversario.

Curatori: Valerio Dehò, Luigi Fassi, Sabine Gamper, Günther Oberhollenzer, Andreas Kofler, Schmidt Magdalene, Anne Schloen, Susanne Waiz.

Una riflessione a più voci sull’affermazione di Vilém Flusser. Le opere d’arte sono suggerimenti per esperienze future.

Il 16 agosto del 1972 Vilém e Edith Flusser si sono trasferiti a Merano, nel quartiere di Maia Alta. Per tre anni il teorico dei media e filosofo della comunicazione ha abitato nell’appartamento in periferia, con vista sulla catena montuosa del Gruppo Tessa, usandolo come proprio studio quando non intraprendeva viaggi in diverse località europee. Per Edith e Vilém Flusser Merano ha rappresentato un momento di passaggio tra l’addio al Brasile e il ritorno in Europa; è stato un luogo di ritiro e al contempo di impegno.

In una lettera del 23 gennaio 1976 all’amica e artista Regina Klaber Thusek - che negli anni ’30 fuggì dal nazismo riparando a Londra, poiché di origini ebraiche, proprio come Flusser, e fu infine confinata a Merano dal regime fascista - Flusser scrisse che “le opere d’arte sono suggerimenti per esperienze future”. La frase era parte di un intenso dialogo tra i due sul rapporto tra bellezza e kitsch. Flusser intendeva il kitsch come qualcosa di piacevole e familiare, a differenza della bellezza, vista appunto come un suggerimento che deve essere appreso, anche con fatica.

A 45 anni dalla sua formulazione, questa citazione direttamente legata alla storia culturale recente di Merano costituisce il punto di partenza della mostra ARTE È.

Per Flusser, il soggiorno meranese ha ricoperto un ruolo fondamentale per lo sviluppo delle successive teorie degli anni ’70 e ’80. Le contrapposizioni tra paese e città e tra montagna e pianura hanno assunto un’importanza crescente in relazione al binomio, centrale nel suo pensiero, dialogo / discorso; inoltre egli ha sempre preferito la diversità all’unità. Numerosi aspetti della sua impostazione teorica trovano un corrispettivo nelle questioni poste dalle mostre tematiche a Merano Arte: ad esempio, il dibattito sull’arte contemporanea o la concezione di sé e del proprio operato in qualità di associazione artistica. Il fatto che alcuni dei suoi scritti siano stati formulati proprio a Merano, può quindi rappresentare un punto di partenza per questa mostra legata all’anniversario.
Date
23/09 - 23/10/2021 10:00 - 18:00
Il contenuto vi è stato utile?
Grazie mille per il vostro commento!
Grazie!