Eventi Meteo Webcams
Catch me, if you can
Indietro

Catch me, if you can

Pesca con la mosca - la regina delle discipline tra i pescatori

Oliver Schwienbacher, ultimese, è immerso fino alle ginocchia nelle acque limpide. Solleva la sua canna da pesca con un movimento fluido e fa oscillare la lenza in eleganti arcate sopra la superficie dell'acqua. Una, due, tre, quattro volte. Quindi la mosca, apparentemente senza peso, colpisce la superficie dell'acqua. I ciuffi chiari dell'esca artificiale danzano con la corrente. Ma questo ballo dura poco. Presto l'esca si risolleva in aria. Il gioco con la mosca ricomincia dall'inizio.

La pesca con la mosca non ha una lunga tradizione. Anche se la pesca di per sé viene praticata da migliaia di anni, l'attuale forma della pesca con la mosca è conosciuta solo da alcune centinaia di anni. Nel 1992 l'arte della pesca ha vissuto una rapida espansione grazie al film statunitense di Robert Redford "In mezzo scorre il fiume".

Anche Oliver ha assistito a questa moda. Molti dei suoi allievi decisero proprio dopo questo film di prendere lezioni di pesca con la mosca. Questo ultimese infatti non solo è un appassionato di pesca con la mosca, ma fa anche l'istruttore. Fabbro artigiano, il fine settimana fa da guida personale ai principianti e insegna loro questa disciplina. La Val d'Ultimo, ricca di risorse idriche, è perfetta a questo scopo - indipendentemente che si tratti di uno dei laghi artificiali, in un idilliaco lago in alta montagna o del Valsura, con i suoi numerosi affluenti.

Intervista con Oliver:

Come funziona la pesca con la mosca?
"Contrariamente all'immagine veicolata dal film, il pesce prende la mosca non nel momento del lancio, bensì solo dopo che si è posata sulla superficie dell'acqua. Ed è proprio qui che sta l'arte della pesca con la mosca. Per far cadere queste leggerissime esche il più vicino possibile ai pesci sono necessarie una lenza particolare, che faccia da peso per il lancio, e una tecnica caratteristica. All'inizio il braccio della canna da pesca è piegato e punta verso la superficie dell'acqua. Dopodiché, viene sollevato con un movimento fluido e viene mosso in avanti e indietro in direzione dello sguardo. Possibilmente senza flettere il polso. Rispetto a un orologio, il movimento di carica viene stoppato circa alle ore 10, mentre quello di rigetto all'una. Tutto questo impiegando meno forza possibile. La vera abilità consiste nel mantenere la lenza sempre in aria.
fliegenfischen-ultental-by-anna-gruber-1
fliegenfischen-ultental-by-anna-gruber-3
"Una volta iniziato, non ci si separa più dalla pesca con la mosca."
Cosa ti affascina della pesca con la mosca?
"La pesca con la mosca è la tipologia di pesca più piacevole, a diretto contatto con la natura. Calma e continuo movimento, mentre si osservano la natura e l'acqua - a volte i pesci diventano una cosa secondaria. Nella pesca con la mosca il punto non è prendere pesci, infatti il 90% li rimetto in libertà. Si tratta piuttosto di essere più furbi di loro e di scegliere il giusto modello di esca."

Che esche si utilizzano per la pesca con la mosca?
"Mosca, zanzara, libellula, ape o cavalletta. Le esche sono fatte di lana, pelo, piume, fibre, fili o capelli. Imitano il nutrimento naturale dei pesci sulla superficie dell'acqua, ingannandoli. In alcuni punti specifici o in certi momenti della giornata, in cui i pesci cercano cibo soprattutto in acqua, si utilizzano le ninfe, con le quali si emulano le larve degli insetti che vivono in acqua.

Cinque cose che non possono mai mancare per la pesca con la mosca, oltre a canna da pesca e esca?
"Non serve molto. Non ci si portano grossi bagagli, ma solo ciò che occorre veramente. Ho sempre con me il marsupio, per le esche sostitutive, pantaloni e scarpe impermeabili, il mio gilet e - importantissimi: occhiali da sole polarizzati. Schermano il riflesso della superficie dell'acqua e proteggono gli occhi. A causa del movimento oscillante della lenza si guarda spesso in direzione del sole.

Consigli e trucchi per i principianti?
"Gli interessati alla pesca con la mosca dovrebbero frequentare un corso, per non cominciare con la tecnica di lancio sbagliata. Durante i corsi si possono noleggiare le attrezzature e capire se l'attività piace o meno. Se poi qualcuno vuole iniziare seriamente a praticare questa disciplina, è importante che continui dopo il corso, ci vuole molto tempo per padroneggiarne correttamente la tecnica.
È importante portare pazienza e non aspettarsi di catturare pesci enormi nel Valsura. La trota è la specie maggiormente presente in queste acque e, dato che non sono profonde, la dimensione media non è la stessa che si può trovare altrove. I pesci sono relativamente piccoli. E cosa fondamentale: trattate con cura il pesce che catturate."

Dove è possibile praticare la pesca con la mosca in Val d'Ultimo
"La pesca con la mosca è permessa in tutti i laghi e nell'intero Valsura da San Pancrazio a St. Gertrude, con l'eccezione del Lago Pescatori e del torrente dopo il ponte presso il negozio Kainz Laden a Santa Gertrude. Da quel punto in avanti, il torrente è a disposizione esclusiva dell'’associazione di pesca sportiva d’Ultimo."

INFO
Mentre ai residenti servono la licenza e l'esame di pesca, gli ospiti possono acquistarne una con validità di 10 anni. Oltre alla licenza, per pescare è necessaria anche l'autorizzazione giornaliera.
Pescare in Val d'Ultimo
Pescare in Val d'Ultimo
Nelle acque fredde e ricche di ossigeno la pesca è l'attività perfetta
leggi di più
Riposo e natura
Riposo e natura
Godetevi l'aria pura e l'acqua, elisir di lunga vita, in Val d'Ultimo
leggi di più
Vacanze in Alto Adige/Südtirol: Prenotate in Val d'Ultimo
Vacanze in Alto Adige/Südtirol: Prenotate in Val d'Ultimo
Capanna sull’albero o hotel con centro benessere?
leggi di più
Fai partecipare i tuoi amici ...
Condividi le storie sul tuo profilo e fai sapere ai tuoi amici quello che ti ha entusiasmato!
Agricoltura 2.0
I giovani agricoltori alto atesini seguono le proprie regole
...
Agricoltura 2.0